News

agosto 17
aprile 17
marzo 17
maggio 15
aprile 15
marzo 15
novembre 14
ottobre 14
luglio 14
giugno 14
maggio 14
aprile 14
marzo 14
febbraio 14
gennaio 14
dicembre 13
novembre 13
ottobre 13
settembre 13
luglio 13
giugno 13
maggio 13
aprile 13
marzo 13
febbraio 13
gennaio 13
dicembre 12
novembre 12
ottobre 12
settembre 12
luglio 12
giugno 12
maggio 12
aprile 12
marzo 12
febbraio 12
gennaio 12
dicembre 11
novembre 11
ottobre 11
settembre 11
agosto 11
luglio 11
giugno 11
maggio 11
aprile 11
marzo 11
febbraio 11
gennaio 11
dicembre 10
novembre 10
ottobre 10
settembre 10
agosto 10
luglio 10
giugno 10
maggio 10
aprile 10
marzo 10
febbraio 10
gennaio 10
dicembre 09
novembre 09
ottobre 09
luglio 09
maggio 09
aprile 09

Sorveglianza sanitaria e risoluzione del rapporto di lavoro ( 08-02-2010)

Precisazioni in materia di obblighi del medico competente in caso di cessazione del rapporto di lavoro.

L’istituto della sorveglianza sanitaria costituisce e rappresenta il punto sul quale il T.U. in materia di sicurezza sul lavoro, così come modificato ed innovato dal correttivo n. 106/2009, ha maggiormente inciso proprio nell’ottica prioritaria di garantire ai lavoratori una tutela molto più incisiva.

 

In seguito alle predette modifiche occorre precisare come sia derivato, come logica conseguenza, un potenziamento ed una centralizzazione del ruolo del medico competente sul quale oggigiorno sussistono e si ascrivono tutta una serie di prescrizioni aventi contenuto attivo.

 

A titolo meramente esemplificativo possiamo citare l’importante art. 25, comma 1, lettera c, del d. lgs. n. 81/2009 che sancisce, a chiare lettere, l’obbligo per il medico competente di istituire ed aggiornare per ogni lavoratore sottoposto a sorveglianza sanitaria una cartella sanitaria e di rischio atta a contenere tutta una serie di importanti indicazioni relative allo stato di salute degli stessi.

 

Precisato ciò occorre soffermare la nostra attenzione sulla particolare questione relativa ai rapporti intercorrenti tra l’istituto in esame ed la risoluzione del rapporto di lavoro.

 

Il citato T.U., così come modificato ed innovato nel 2009, stabilisce chiaramente che i lavoratori devono essere sottoposti alle c.d. visite mediche per la cessazione del rapporto di lavoro allo scopo precipuo di fornire al lavoratore stesso tutte le indicazioni utili nonché indispensabili a proseguire il controllo del suo stato di salute anche in fase successiva alla cessazione del predetto rapporto lavorativo.

 

Si precisa inoltre che, indipendentemente dai casi specifici, in tutti i casi di interruzione del rapporto di lavoro, il Medico Competente, nel pieno rispetto di quanto prescritto dal citato art. 25, è tenuto a consegnare al lavoratore una copia del documento sanitario personale ed a spiegare allo stesso le informazioni necessarie relative alla funzione e conservazione di tale documento.

 

L’originale della cartella deve essere conservato per almeno 10 anni.

 

Da quanto precisato sarebbe opportuno per le aziende comunicare per iscritto al medico competente tutte le interruzioni del rapporto di lavoro in tempo utile affinché lo stesso possa puntualmente adempiere agli obblighi vigenti.

 

           

 



Obblighi dei lavoratori autonomi e decreto legislativo n. 81/08. ( 09-02-2010)

Precisazioni in relazione all’obbligo da parte dei lavoratori autonomi di partecipare ai programmi di formazione e di addestramento nonché di sottoporsi ai controlli sanitari previsti dal d. lgs. 81/08.
 

Anteriormente all’emanazione del d. lgs. n. 106/09 si sono poste tutta una serie di questioni in merito all’esistenza di un effettivo obbligo gravante sui lavoratori autonomi di partecipare ai programmi di formazione ed addestramento nonché di sottoporsi ai controlli sanitari previsti dallo stesso decreto legislativo.

 

Rispetto al predetto quesito occorre evidenziare come siano state adottate delle soluzioni che possiamo definire diametralmente opposte.

 

Secondo un primo orientamento, risalente al dicembre 2008, si era sostenuta la necessità che i lavoratori autonomi si sottoponessero alla sorveglianza sanitaria ed alla formazione specifica in merito ai rischi inerenti la propria attività lavorativa ed a questa conclusione si era arrivati in considerazione del fatto che il d. lgs. n. 81/2008 poneva sul medesimo piano tanto il lavoratore autonomo quanto il lavoratore subordinato.

 

La tesi cambia totalmente nel luglio 2009 in quanto viene sostenuto che il lavoratore autonomo, allorquando opera per conto proprio e non per conto terzi, non sarebbe tenuto al rispetto delle disposizioni di cui al d. lgs. n. 81/2008 ed a questa conclusione questa volta si era giunti sulla base della definizione di lavoratore autonomo di cui all’art. 2222 c.c. con il quale il lavoratore viene individuato come un prestatore d’opera che compie un lavoro per conto di un committente.

 

Dopo la pubblicazione e l’entrata in vigore del d. lgs. n. 106/09, ci si è resi conto che le espressioni ed i pareri espressi nelle predette risposte vanno rivisti alla luce delle importanti novità normative.

 

Da un esame sistematico delle disposizioni di nuovo conio deriva che fermo restando che sussistono in ogni caso a carico dei lavoratori autonomi gli obblighi relativi all’uso di attrezzature conformi alle disposizioni di cui al titolo III del d. lgs. n. 81/2008, all’uso dei dispositivi di protezione individuale richiesti per lo svolgimento specifico della propria attività nonché all’uso di apposita tessera di riconoscimento quando effettuino la loro prestazione lavorativa in regime di appalto e subappalto, per quanto riguarda invece la sorveglianza sanitaria e la formazione, gli stessi hanno la facoltà di effettuarle nel caso che lavorino per conto proprio ma dovranno invece farle nel caso in cui si rechino, nell’ambito di un appalto, a prestare la propria attività lavorativa per conto di un committente e ciò perché è da questi richiesto in quanto lo stesso è tenuto per legge, con obbligo sanzionato penalmente, a verificare la loro idoneità tecnico professionale.

 

 

 



La figura del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza alla luce del d. lgs. 106/2009 ( 10-02-2010)

Esame delle importanti novità introdotte in materia
dal correttivo del 2009.

Nell’esame della predetta figura occorre previamente definire il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza come “persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza durante il lavoro”.

 

In virtù delle importanti e fondamentali novità introdotte dal d. lgs. n. 106/2009 deve precisarsi come tale figura ne sia risultata profondamente potenziata in considerazione del ruolo e della fondamentale funzione di tutela e garanzia per i lavoratori.

 

A titolo meramente esemplificativo possiamo precisare che al Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza è riconosciuto il diritto ad accedere ai luoghi di lavoro nonché l’importante diritto ad essere consultato in ordine a:

a) la valutazione dei rischi;

b) l’individuazione, la programmazione, la realizzazione e la verifica dell’attività di prevenzione;

c) la designazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione e del medico competente nonché degli addetti al servizio di prevenzione incendi e di primo soccorso, all’evacuazione dei luoghi di lavoro;

d) l’organizzazione della formazione dei lavoratori.

 

Di estrema importanza risulta il diritto alla consultazione e consegna del documento di valutazione dei rischi, al riguardo l’art. 29, comma 2, Testo Unico Sicurezza espressamente prevede che il datore di lavoro effettua la valutazione dei rischi ed elabora il relativo documento “previa consultazione” del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza.

 

In considerazione dell’importanza di tale intervento preventivo il legislatore ha ritenuto opportuno ribadire e rafforzare tale prescrizione richiamando la medesima prescrizione nel successivo art. 50, comma 1, lettera b.

 

Accanto alla fondamentale consultazione preventiva vi è poi una consultazione ex post volta a trovare attuazione concreta nel momento in cui il succitato documento è stato materialmente posto in essere, al fine di apportare modifiche e/o integrazioni rispetto a profili di rischio non considerati.

 

A lungo si è discusso in merito alla questione se al rappresentante fosse da riconoscere un diritto alla concreta ed effettiva consegna di una copia del documento di valutazione dei rischi ovvero se lo stesso fosse semplicemente accessibile per la mera consultazione. In virtù dell’effettivo potenziamento della figura in esame si è stati concordi nel ritenere come al rappresentante competa un vero e proprio diritto alla consegna di copia del documento di valutazione dei rischi.

 

Al fine di potenziare e rendere effettive le succitate prescrizioni il legislatore ha espressamente previsto un minuzioso ed articolato sistema sanzionatorio e consistente nella previsione a carico del datore di lavoro dell’arresto da 2 a 4 mesi ovvero nell’applicazione dell’ammenda da 750 a 4.000 euro per l’ipotesi della mancata consegna del documento di valutazione dei rischi; l’ammenda da 2.000 a 4.000 nel caso di mancata consultazione in via generale del rappresentante al pari di quella con riguardo specifico alla valutazione dei rischi.

 

Il d. lgs. 106/2009 è intervenuto anche in relazione alla formazione del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza stabilendo espressamente che “la formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti deve essere periodicamente ripetuta in relazione all’evoluzione dei rischi o all’insorgenza di nuovi rischi”.

 

L’art. 37, inoltre, prevede ed elenca i contenuti minimi ed inderogabili della formazione stabilendo che la durata minima dell’intervento formativo deve essere di 32 ore iniziali, di cui 12 dovranno avere ad oggetto rischi specifici presenti in azienda e sulle conseguenti misure di prevenzione e protezione adottate. Inoltre è anche prevista una verifica finale dell’apprendimento.



Le novità in ambito sanzionatorio introdotte dal correttivo n. 106/09. ( 11-02-2010)

Le ultime novità in materia di prescrizione obbligatoria.

Tra le importanti novità introdotte dal d. lgs. n. 106 del 2009 in materia di sicurezza sul lavoro di particolare pregio risultano quelle relative all’impianto sanzionatorio, che viene rivisitato completamente nell’intento di risolvere i numerosi aspetti che il T.U. n. 81/08 ha in concreto posto.

 

La struttura originaria del predetto T.U. obbligava, nella maggior parte dei casi, gli ispettori del lavoro e delle Asl ad applicare tante sanzioni quanti erano le relative violazioni, prescindendo da ogni valutazione di omogeneità del comportamento antidoveroso del datore di lavoro.

 

In considerazione di tali inconvenienti il correttivo introduce apposite norme atte a prevedere l’applicazione di pene e sanzioni secondo parametri di omogeneità valutati ex ante dallo stesso legislatore in sede di redazione dello stesso.

 

Agli ispettori delle aziende sanitarie locali e quelli del Ministero del lavoro, nella loro qualità di ufficiali di polizia giudiziaria, laddove accertino la violazione di obblighi o divieti penalmente sanzionati, è riconosciuto l’obbligo di effettuare un’immediata comunicazione al pubblico ministero.

 

Con la finalità precipua di impedire che il reato accertato venga portato a conseguenze ulteriori è stato previsto l’istituto della prescrizione.

 

Il predetto istituto si concretizza in un provvedimento emesso dall’organo di vigilanza, nell’esercizio delle funzioni di polizia giudiziaria, conseguente all’accertamento di violazioni che costituiscono reato di natura contravvenzionale ed attraverso il quale viene impartito al soggetto responsabile una prescrizione specifica e determinata, stabilendo, al contempo, un termine preciso per la regolarizzazione.

 

All’ispettore che ha posto in essere la succitata prescrizione compete di verificare se la violazione rilevata sia stata effettivamente eliminata nel pieno rispetto delle modalità e delle indicazioni dettate.

 

In caso di riscontro positivo l’organo di vigilanza ammette il contravventore al pagamento, entro trenta giorni, di una sanzione in via amministrativa pari ad un quarto del massimo della pena fissata dalla legge per la contravvenzione.

 

Nei 120 giorni successivi alla scadenza del termine fissato nella prescrizione l’ispettore deve provvedere a comunicare all’autorità giudiziaria competente l’adempimento della prescrizione e l’eventuale pagamento della sanzione amministrativa irrogata.

 

Se, invece, il datore di lavoro o il contravventore che ha agito non adempiono alla prescrizione, l’ispettore provvede a darne comunicazione al pubblico ministero entro novanta giorni dalla scadenza del termine fissato.

 

Il testo originario del d. lgs. 81/08 non prevedeva l’applicazione della prescrizione obbligatoria per l’ipotesi di contravvenzioni punite con la sola pena pecuniaria.

 

La discrepanza è stata superata per effetto del correttivo del 2009 che ha esteso la prescrizione obbligatoria anche ai reati puniti con la sola pena pecuniaria.

 

E’ importante precisare che qualora la procedura di estinzione agevolata attivata con la prescrizione obbligatoria non sia andata a buon fine, si riconosce al contravventore la possibilità di richiedere l’applicazione dell’istituto dell’oblazione così come previsto e disciplinato dall’art. 162bis del codice penale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Le novità introdotte dal Testo Unico sulla sicurezza del lavoro in materia di gestione delle emergenze. ( 12-02-2010)


Il succitato Testo Unico contempla e disciplina in modo capillare l’importante istituto della gestione delle emergenze dettando all’art. 43 tutta una serie di importanti prescrizioni.

 

Preliminarmente occorre effettuare una fondamentale distinzione in merito alle necessarie misure che si rivolgono verso l’esterno e quelle che invece si rivolgono verso l’ambiente di lavoro.

 

Le misure dirette verso l’esterno si concretizzano nella organizzazione dei necessari rapporti con i servizi pubblici competenti in materia di primo soccorso, salvataggio, lotta antincendi e gestione delle emergenze.

 

Per quanto concerne, invece, le misure relative all’ambiente di lavoro il T.U. impone al datore di lavoro la preventiva designazione dei lavoratori incaricati dell’attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendi, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave ed immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione delle emergenze, designazione che deve essere effettuata tenendo conto delle dimensioni dell’azienda e dei rischi specifici della stessa.

 

Una volta effettuata la designazione, il legislatore introduce, per i lavoratori prescrizioni inderogabili e consistenti: nell’obbligo delle formazione; nella presenza in numero sufficiente e nella possibilità di disporre di attrezzature adeguate.

 

Di fondamentale importanza risulta l’odierna redazione dell’art. 43 del predetto T.U. volto a sancire e prescrivere la programmazione di un complesso di norme di azioni che integrino le misure tecniche concrete coinvolgendo gli stessi lavoratori i quali diventano, così, soggetti attivi e consapevoli.

 

Dall’esame delle predette novità, dei numerosi obblighi posti a carico del datore di lavoro, con la finalità precipua di tutelare e garantire i lavoratori, deriva, come logico corollario, la possibilità riconosciuta al lavoratore, dall’art. 44, in caso di pericolo grave, immediato ed imprevedibile, di allontanarsi dal luogo di lavoro senza dover subire alcun pregiudizio o conseguenze dannose.

 

Ancora, il secondo comma della norma in esame stabilisce che il lavoratore che in una situazione di pericolo, nella impossibilità di contattare il superiore, abbia preso iniziative che si siano risolte in un danno, a persone o cose, non risponde di questo, a meno che esse abbiano concretato atti di grave negligenza.

 

Occorre, però, aver cura di ribadire che la predetta scriminante non opera nel caso in cui il lavoratore abbia agito ponendo in essere un comportamento fortemente deprecabile in quanto caratterizzato da grave negligenza.

 



Svolgimento diretto dei compiti di prevenzione e protezione da parte del datore di lavoro. ( 17-02-2010)

Le novità in materia di sicurezza sul lavoro introdotte
dal correttivo 106/2009.
 

Il decreto legislativo n. 81 del 2008, nell’intervenire in materia di sicurezza sul lavoro, ha introdotto importanti novità in relazione al concreto esercizio dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi.

 

Si è espressamente riconosciuta al datore di lavoro la possibilità di svolgere direttamente i compiti in materia di prevenzione e protezione dai rischi, dandone preventiva informazione al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e nel pieno rispetto delle prescrizioni contenute nell’art. 34.

 

Tale possibilità è, tuttavia, esclusa, per determinate realtà aziendali che vengono considerate a rischio e per le quali l’istituzione del servizio di prevenzione e protezione all’interno dell’azienda, ai sensi di quanto espressamente prevede l’art. 31 del citato T.U., è obbligatoria.

 

Nel momento in cui, come evidenziato, il legislatore ascrive al datore di lavoro la possibilità di procedere direttamente all’assolvimento dell’obbligo in materia di prevenzione e protezione, prescrive e prevede puntuali obblighi in relazione alla formazione.

 

Il secondo comma dell’art. 34 stabilisce l’obbligo di frequenza, da parte del datore di lavoro che intende esercitare direttamente le predette attività, di corsi di formazione, della durata compresa tra 16 e 48 ore, adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle specifiche attività lavorative.

 

In considerazione della fondamentale importanza che, a livello ordinamentale riveste l’attività di formazione, il correttivo 106/09 è intervenuto ad inasprire le conseguenze in caso di mancato rispetto del succitato obbligo introducendo, all’art. 55, comma 1, lett. a, una sanzione di carattere penale nei confronti del datore di lavoro che, pur svolgendo formalmente i compiti di prevenzione e protezione dai rischi, ometta di procedere alla formazione espressamente prevista dall’art. 34, comma 2.

 

Oltre all’obbligo di formazione, il successivo comma 3 del succitato art. prescrive l’ineludibile obbligo di aggiornamento periodico nel rispetto di quanto previsto dall’accordo in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano atto a definire le concrete modalità della formazione.

 

Non può assolutamente omettersi di evidenziare come tale obbligo non risulta oggigiorno immediatamente esigibile dovendosi attendere l’emanazione del succitato accordo.