News

agosto 17
aprile 17
marzo 17
maggio 15
aprile 15
marzo 15
novembre 14
ottobre 14
luglio 14
giugno 14
maggio 14
aprile 14
marzo 14
febbraio 14
gennaio 14
dicembre 13
novembre 13
ottobre 13
settembre 13
luglio 13
giugno 13
maggio 13
aprile 13
marzo 13
febbraio 13
gennaio 13
dicembre 12
novembre 12
ottobre 12
settembre 12
luglio 12
giugno 12
maggio 12
aprile 12
marzo 12
febbraio 12
gennaio 12
dicembre 11
novembre 11
ottobre 11
settembre 11
agosto 11
luglio 11
giugno 11
maggio 11
aprile 11
marzo 11
febbraio 11
gennaio 11
dicembre 10
novembre 10
ottobre 10
settembre 10
agosto 10
luglio 10
giugno 10
maggio 10
aprile 10
marzo 10
febbraio 10
gennaio 10
dicembre 09
novembre 09
ottobre 09
luglio 09
maggio 09
aprile 09

LE MALATTIE PROFESSIONALI: LE NEOPLASIE ( 01-12-2010)


L’INAIL Abruzzo ha organizzato lo scorso 19 novembre una interessante giornata di studio intitolata “Prevenzione delle neoplasie professionali: rischi storici ed emergenti” sul rischio di tumore legato a cause professionali.
 
Il convegno si è posto l’obiettivo di fare il punto sull’esposizione agli agenti cancerogeni dei lavoratori di tutti i comparti, di analizzare rischi emergenti in nuovi settori (agricoltura, esposizione a nano particelle) ma anche di valutare la qualità del flusso di informazioni che perviene agli enti competenti.
 
In Abruzzo come in altre regioni di Italia sono in aumento le domande di riconoscimento di tumore professionale avanzate dai lavoratori e il fenomeno merita una attenta riflessione.
 
Molti fattori infatti vanno a determinare lo stato delle cose: il prolungamento della durata della vita da cui discende un generale aumento della incidenza neoplastica nella popolazione, una acuita sensibilità nei confronti del tema e l’aumentata percezione del rischio da parte dei lavoratori. L’INAIL Abruzzo ha riconosciuto la causa professionale ai casi di neoplasia insorta a causa di esposizione all’amianto, a radiazioni, a fumi di saldatura e da idrocarburi. Il Settore più colpito è il comparto industriale ma nuova attenzione va rivolta a professioni ritenute tradizionalmente sane come quelle dell’agricoltura. Sono infatti in aumento casi di tumore alla pelle e all’apparato respiratorio causati dal contatto con diserbanti molto aggressivi contenenti arsenico.