News

agosto 17
aprile 17
marzo 17
maggio 15
aprile 15
marzo 15
novembre 14
ottobre 14
luglio 14
giugno 14
maggio 14
aprile 14
marzo 14
febbraio 14
gennaio 14
dicembre 13
novembre 13
ottobre 13
settembre 13
luglio 13
giugno 13
maggio 13
aprile 13
marzo 13
febbraio 13
gennaio 13
dicembre 12
novembre 12
ottobre 12
settembre 12
luglio 12
giugno 12
maggio 12
aprile 12
marzo 12
febbraio 12
gennaio 12
dicembre 11
novembre 11
ottobre 11
settembre 11
agosto 11
luglio 11
giugno 11
maggio 11
aprile 11
marzo 11
febbraio 11
gennaio 11
dicembre 10
novembre 10
ottobre 10
settembre 10
agosto 10
luglio 10
giugno 10
maggio 10
aprile 10
marzo 10
febbraio 10
gennaio 10
dicembre 09
novembre 09
ottobre 09
luglio 09
maggio 09
aprile 09

MALATTIE PROFESSIONALI E INFORTUNI SUL LAVORO: I LAVORATORI MARITTIMI ( 14-12-2010)


Nel nuovo rapporto sulla pesca realizzato grazie alla collaborazione tra Inail e l’ex Ipsema, cofinanziato nell’ambito del progetto ‘Cime’ dal Ministero del Lavoro, viene tracciata una fotografia dei lavoratori del mare con una particolare attenzione alle loro condizioni di salute e in particolare alla predisposizione verso malattie legate al loro particolare ambiente di lavoro.

 

Dal rapporto risulta che le patologie più frequenti per questi lavoratori sono di tipo reumatico, facilmente correlabile con il lavoro che li porta per lunghi periodi a lavorare in mare o comunque nei porti. Soffre infatti di queste patologie circa il 59 per cento dei lavoratori del settore.

 

Assai meno frequenti sono invece le patologie di tipo osteoarticolare, che riguardano solo il 14 per cento degli addetti, e quelle di tipo infettivo che interessano appena il 9 per cento dei lavoratori marittimi e questo nonostante un consumo frequente di pesce crudo, che potrebbe invece esporre a germi e batteri pericolosi per la salute.

 

L’indagine ha avuto il suo porto di partenza a Mazara del Vallo nel 2008 per poi estendersi negli altri scali marittimi italiani. I dati emersi da questa ricerca mostrano che dal 2008 ad oggi nel settore marittimo c’è stato un calo degli infortuni, all’incirca del 6 per cento, ma che questo non vale per gli addetti alla sottocategoria della pesca che invece fanno registrare un trend di infortuni in crescita addirittura superiore al 16 per cento.