News

agosto 17
aprile 17
marzo 17
maggio 15
aprile 15
marzo 15
novembre 14
ottobre 14
luglio 14
giugno 14
maggio 14
aprile 14
marzo 14
febbraio 14
gennaio 14
dicembre 13
novembre 13
ottobre 13
settembre 13
luglio 13
giugno 13
maggio 13
aprile 13
marzo 13
febbraio 13
gennaio 13
dicembre 12
novembre 12
ottobre 12
settembre 12
luglio 12
giugno 12
maggio 12
aprile 12
marzo 12
febbraio 12
gennaio 12
dicembre 11
novembre 11
ottobre 11
settembre 11
agosto 11
luglio 11
giugno 11
maggio 11
aprile 11
marzo 11
febbraio 11
gennaio 11
dicembre 10
novembre 10
ottobre 10
settembre 10
agosto 10
luglio 10
giugno 10
maggio 10
aprile 10
marzo 10
febbraio 10
gennaio 10
dicembre 09
novembre 09
ottobre 09
luglio 09
maggio 09
aprile 09

SICUREZZA SUL LAVORO: TIPOLOGIE, FATTORI SCATENANTI E CONSEGUENZE DEL MOBBING ( 23-12-2010)


Il mobbing sul lavoro rappresenta un problema sempre più rilevante e spesso taciuto.

Il fenomeno riguarda i lavoratori di tutta l'UE e per questo la Commissione Europea ha diffuso una comunicazione che ha come obiettivo la prevenzione del mobbing sul posto di lavoro attraverso l'attuazione di una strategia a favore della salute e della sicurezza sul lavoro.
Non esiste, tuttavia, una definizione univoca del problema, che, comunque, può ritenersi: un comportamento ripetuto e irragionevole, rivolto contro un dipendente o un gruppo di dipendenti, tale da creare un rischio per la salute e la sicurezza.

Per comportamento irragionevole si intende un comportamento atto a perseguitare, umiliare, intimidire o minacciare. Il mobbing può comportare aggressioni sia verbali che fisiche, ma anche atti più subdoli come la denigrazione del lavoro di un collega o l'isolamento sociale. Dunque, si comprende facilmente quanto siano importanti le implicazioni psicologiche del problema.

La prevalenza del mobbing è massima nei posti di lavoro in cui la domanda che ricade sull'individuo è alta, così come il livello dell'ansia.

Si distinguono essenzialmente due tipi di mobbing:
 quale conseguenza di un conflitto interpersonale;
 quando la vittima non è coinvolta in un conflitto, ma si trova accidentalmente in una situazione in cui è vittima di un mobber.
I fattori che aumentano la probabilità del mobbing sono:
 una cultura organizzativa che tollera il mobbing o non lo riconosce come un problema;
 un cambiamento nell'organizzazione o l'insicurezza legata al posto di lavoro;
 la scarsa qualità del rapporta tra il personale e la direzione;
 lo scarso rapporto tra i colleghi;
 aumento del livello di stress e conflitti di ruolo.

Le conseguenze del mobbing possono essere rilevanti, sia sul piano fisico che psicologico e comprendono disturbi quali stress, depressione, fobie, fino ad arrivare a veri e propri sintomi tipici da stress post-traumatico.

Il mobbing comporta dei costi anche a livello organizzativo, con conseguente aumento dell'assenteismo e minore produttività.

Per evitare il mobbing, è importante intervenire tempestivamente; il datore di lavoro non deve aspettare che sia la vittima a lamentarsi. Bisogna migliorare l'ambiente di lavoro psicosociale, sviluppare una cultura organizzativa basata su standard e valori contro il mobbing, formulare una politica volta ad una positiva interazione sociale.