News

agosto 17
aprile 17
marzo 17
maggio 15
aprile 15
marzo 15
novembre 14
ottobre 14
luglio 14
giugno 14
maggio 14
aprile 14
marzo 14
febbraio 14
gennaio 14
dicembre 13
novembre 13
ottobre 13
settembre 13
luglio 13
giugno 13
maggio 13
aprile 13
marzo 13
febbraio 13
gennaio 13
dicembre 12
novembre 12
ottobre 12
settembre 12
luglio 12
giugno 12
maggio 12
aprile 12
marzo 12
febbraio 12
gennaio 12
dicembre 11
novembre 11
ottobre 11
settembre 11
agosto 11
luglio 11
giugno 11
maggio 11
aprile 11
marzo 11
febbraio 11
gennaio 11
dicembre 10
novembre 10
ottobre 10
settembre 10
agosto 10
luglio 10
giugno 10
maggio 10
aprile 10
marzo 10
febbraio 10
gennaio 10
dicembre 09
novembre 09
ottobre 09
luglio 09
maggio 09
aprile 09

INAIL: Cosa fare in caso di smarrimento della password di accesso al portale ( 05-10-2011)


In caso di smarrimento della password, gli utenti registrati al portale dell’INAIL possono richiedere il PIN2 telefonando al contact center (803164).

Infatti, fornendo il “codice ditta” e il PIN1, l’utente riceverà il nuovo PIN2 all’indirizzo di posta elettronica a suo tempo indicato fra i dati di registrazione al portale stesso.

 

 

Fonte: INAIL



Dal Ministero dello Sviluppo Economico un primo elenco di attrezzature non conformi ( 07-10-2011)


Il Ministero dello Sviluppo Economico ha reso noto un primo elenco di attrezzature di lavoro, immesse sul mercato come conformi ai requisiti di sicurezza pertinenti e marcate CE, per le quali è stata accertata la non conformità alle specifiche normative tecniche di settore.

L’organo di vigilanza può procedere nei confronti del datore di lavoro utilizzatore dell’esemplare di attrezzatura non conforme con una prescrizione/disposizione volta a rimuovere la situazione di rischio.

 

Fonte: Sicurezza e Lavoro FVG



Infortuni sul lavoro in calo rispetto al 2010 ( 10-10-2011)


L’INAIL ha reso noti i dati provvisori relativi al trend infortunistico del primo semestre 2011 nei settori dell’industria, dei servizi e dell’agricoltura.

Da un primo raffronto con i dati del primo semestre 2010, si evince come il bilancio infortunistico di quest’anno segna una riduzione di circa 16.000 casi, pari al 4%, un calo sensibilmente superiore a quello registrato nell’anno precedente.

Per quanto riguarda gli infortuni mortali si registra invece un trend stabilizzato sui valori del 2010, anno in cui, per la prima volta dal dopoguerra, il numero di infortuni era sceso sotto la soglia dei mille casi

 

Fonte: Ministero del Lavoro



Procedure Antincendio: Entrato in vigore il nuovo regolamento ( 11-10-2011)


Il 7 ottobre è entrato in vigore il regolamento che stabilisce la nuova regolamentazione generale delle procedure autorizzative in materia di antincendio.

Il citato regolamento, che ha come obiettivo la semplificazione procedurale, individua in particolare le attività soggette ai controlli di prevenzione incendi e disciplina, per il deposito dei progetti, per l’esame dei progetti, per le visite tecniche, per l’approvazione di deroghe a specifiche normative, la verifica delle condizioni di sicurezza antincendio che, in base alla vigente normativa, sono attribuite alla competenza del Corpo nazionale dei vigili del fuoco.

Nell’ambito di applicazione del presente regolamento rientrano tutte le attività soggette ai controlli di prevenzione incendi riportate nell’Allegato I del regolamento stesso.

Le attività sottoposte ai controlli di prevenzione incendi si distinguono nelle categorie A, B e C, come individuate nell’Allegato I in relazione alla dimensione dell’impresa, al settore di attività, alla esistenza di specifiche regole tecniche, alle esigenze di tutela della pubblica incolumità



Gli Interpelli in materia si salute e sicurezza sul lavoro ( 18-10-2011)


Con Decreto Direttoriale del 28 settembre 2011 è stata istituita la Commissione per gli interpelli prevista dall’articolo 12 comma 2 del Testo Unico in materia di salute e sicurezza nel lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81).

I quesiti di ordine generale sull’applicazione della normativa in materia di salute e sicurezza del lavoro possono essere inoltrati alla Commissione per gli interpelli, esclusivamente tramite posta elettronica all’indirizzo interpellosicurezza@lavoro.gov.it.

I quesiti potranno essere inoltrati solo dagli organismi associativi a rilevanza nazionale degli enti territoriali e gli enti pubblici nazionali, nonché dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale e dai consigli nazionali degli ordini o collegi professionali.

Le istanze di interpello trasmesse da soggetti non appartenenti alle categorie indicate o privi dei requisiti di generalità non potranno essere istruite. Non saranno pertanto istruiti i quesiti trasmessi, ad esempio, da studi professionali, associazioni territoriali dei lavoratori o dei datori di lavoro, Regioni, Province e Comuni.

Le indicazioni fornite nelle risposte ai quesiti costituiscono criteri interpretativi e direttivi per l’esercizio delle attività di vigilanza.
Tutti gli interpelli verranno poi pubblicati nell’apposita sezione “Interpello Sicurezza” del sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

 

Fonte: Ministero del Lavoro



Oscillazione per prevenzione: Il nuovo modello OT/24 ( 21-10-2011)


L’INAIL con nota del 20 ottobre 2011, ha rilasciato il nuovo modello OT/24.

Il modello è destinato alle imprese che intendono presentare istanze di riduzione del tasso medio di tariffa per interventi di prevenzione, dopo il primo biennio di attività

L’INAIL intende premiare con uno sconto denominato oscillazione per prevenzione, le aziende, operative da almeno un biennio, che eseguono interventi per il miglioramento delle condizioni di sicurezza e di igiene nei luoghi di lavoro, in aggiunta a quelli minimi previsti dalla normativa in materia (D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche e integrazioni).

L’ oscillazione per prevenzione riduce dunque il tasso di premio applicabile all’azienda, determinando un risparmio sul premio dovuto all’INAIL.

Tutte le Aziende in possesso dei requisiti per il rilascio della regolarità contributiva ed assicurativa ed in regola con le disposizioni obbligatorie in materia di prevenzione infortuni e di igiene del lavoro possono presentare  domanda all’INAIL mediante il nuovo modulo OT/24, entro il 28 febbraio (29 febbraio in caso di anno-bisestile) dell’anno per il quale la riduzione è richiesta.

 

 

Fonte: INAIL



INAIL: Mancato pagamento rate autoliquidazione e rateazione ordinaria ( 24-10-2011)


L’INAIL, con nota n. 6465 del 29 settembre 2011, ha precisato che il mancato pagamento di una o più rate della dilazione di pagamento del premio da autoliquidazione non inficia la concessione della rateazione ordinaria ex lege 389/1989.

La rateazione ordinaria è concessa dall’Istituto per i debiti non iscritti a ruolo alle seguenti condizioni:

·         debito non inferiore a 1.000 euro;

·         presentazione di motivata istanza da cui risulti la temporanea e obiettiva difficoltà a pagare in un’unica soluzione;

·         osservanza di altri piani di rateazione concessi ex lege 389/1989 nel biennio precedente.

Nella suddetta rateazione possono essere inclusi sia i debiti pregressi (scaduti) che quelli correnti (non scaduti). Tra i debiti pregressi rientra dunque anche l’omesso pagamento delle rate  relative all’autoliquidazione annuale dei premi.

 

Fonte: Lavoro Facile



INAIL: Da ottobre il Contact Center è raggiungibile anche da Skype ( 25-10-2011)


Dal mese di ottobre 2011 il Contact Center INAIL - che risponde al numero telefonico gratuito 803.164 - è raggiungibile anche mediante Skype.

Il numero gratuito 803164 (Contact center multicanale INAIL-INPS) risponde a richieste di informazioni su aspetti normativi, procedurali e su singole pratiche.

Il sevizio è  attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00 e il sabato e prefestivi dalle ore 8.00 alle ore 14.00

 

Fonte: INAIL



Stress Lavoro-Correlato: I dati dell’INAIL ( 28-10-2011)


Su 4000 denunce presentate all'Istituto negli ultimi 10 anni sono circa 500 i casi riconosciuti dall'INAIL per stress collegato al lavoro.

Per il 64% dei casi è stata riconosciuta dall'INAIL una indennità in capitale, per il 9% una rendita e per il 27% solo una indennità per inabilità temporanea al lavoro o sono stati riconosciuti senza indennizzo.

Il 60% dei casi riconosciuti in questi anni riguarda uomini. Quasi la metà dei casi è nella fascia di età centrale (il 46% tra i 46 e i 55 anni), mentre il 20% ha oltre 56 anni.

Riguardo i comparti economici, prevale il terziario - con il 42% dei casi riconosciuti - mentre, rispettivamente con il 29%, seguono la pubblica amministrazione e l'industria.

Il 59% dei casi ha riguardato, infine, gli impiegati. mentre il 21% è relativo a operai e il 20% a quadri e dirigenti.

 

 

Fonte: INAIL