News

agosto 17
aprile 17
marzo 17
maggio 15
aprile 15
marzo 15
novembre 14
ottobre 14
luglio 14
giugno 14
maggio 14
aprile 14
marzo 14
febbraio 14
gennaio 14
dicembre 13
novembre 13
ottobre 13
settembre 13
luglio 13
giugno 13
maggio 13
aprile 13
marzo 13
febbraio 13
gennaio 13
dicembre 12
novembre 12
ottobre 12
settembre 12
luglio 12
giugno 12
maggio 12
aprile 12
marzo 12
febbraio 12
gennaio 12
dicembre 11
novembre 11
ottobre 11
settembre 11
agosto 11
luglio 11
giugno 11
maggio 11
aprile 11
marzo 11
febbraio 11
gennaio 11
dicembre 10
novembre 10
ottobre 10
settembre 10
agosto 10
luglio 10
giugno 10
maggio 10
aprile 10
marzo 10
febbraio 10
gennaio 10
dicembre 09
novembre 09
ottobre 09
luglio 09
maggio 09
aprile 09

Autocertificazione della valutazione dei rischi: confermato il termine al 31 maggio ( 11-02-2013)


In seguito alle numerose richieste ricevute dal Ministero del lavoro in merito all’argomento dell’autocertificazione per la valutazione dei rischi e nello specifico del termine della proroga, il citato Ministero precisa che il termine del 30 giugno 2012, che si ritrova all’interno dell’art. 29, comma 5, del D.Lgs. n. 81/2008, è stato prima prorogato con il decreto legge n. 57/2012 che citava: “l datori di lavoro che occupano fino a 10 lavoratori effettuano la Valutazione dei rischi di cui al presente articolo sulla base delle procedure standardizzate di cui all'art. 6, comma 8, lett. f). Fino alla scadenza del terzo mese successivo alla data di entrata in vigore del decreto interministeriale di cui all'articolo 6, comma 8, lettera f), e, comunque, non oltre il 31 dicembre 2012, gli stessi datori di lavoro possono autocertificare l'effettuazione della Valutazione dei rischi. Quanto previsto nel precedente periodo non si applica alle attività di cui all'articolo 31, comma 6, lett. a), b), c), d) nonché g).". Ma, al fine di dare la possibilità ai datori di lavoro di effettuare la valutazione dei rischi sulla base di procedure standardizzate, è stata prevista un’ulteriore proroga inserita nella legge di stabilità del 2013. In base a quanto previsto nell’ultima proroga quindi, il termine ultimo per l’utilizzo dell’autocertificazione in merito alla valutazione dei rischi è da intendersi nel 31 Maggio 2013.


Professioni non organizzate: La disciplina applicabile. ( 15-02-2013)


La legge 14 gennaio 2013, n. 4, pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 26 gennaio 2013, ha disciplinato in maniera molto precisa e dettagliata la materia delle professioni non organizzate. La legge appunto, chiarisce che per Professione non organizzata in Ordini o Collegi, deve intendersi un’attività economica che ha lo scopo di prestare servizi od opere a favore di terzi (tale attività può essere anche non organizzata). Tale attività inoltre, deve essere esercitata abitualmente e prevalentemente mediante il lavoro intellettuale o comunque in concorso di questo, sono escluse da questo ambito le attività riservate per legge ai soggetti iscritti in appositi albi o elenchi ai sensi dell’art. 2229 c.c., delle professioni sanitarie e delle attività e dei mestieri artigianali, commerciali e di pubblico esercizio disciplinati da specifiche normative.


Subappalto di opere: Soggetti responsabili in caso di infortunio ( 20-02-2013)


La Corte di Cassazione, con sentenza del 30 novembre 2012, n. 46453, ha chiarito che in seguito ad infortunio sul lavoro in cantiere, il datore di lavoro dell’infortunato ed il capocantiere che omettono di assicurarsi dell’affidabilità delle strutture e degli strumenti utilizzati dal lavoratore nell’ambito dello svolgimento delle proprie mansioni, sono responsabili del suddetto evento. Questo perché i soggetti sopra citati, vengono identificati come garanti per la sicurezza sui luoghi di lavoro e per il rispetto delle varie norme in essere. Dalla Suprema Corte viene fatta a seguente precisazione: “anche nei contesti in cui si riscontra l'interazione tra diversi organismi operanti all'interno di uno stabilimento, i garanti del lavoratore assumono un ruolo primario nell'assicurare la sicurezza del dipendente”.