News

agosto 17
aprile 17
marzo 17
maggio 15
aprile 15
marzo 15
novembre 14
ottobre 14
luglio 14
giugno 14
maggio 14
aprile 14
marzo 14
febbraio 14
gennaio 14
dicembre 13
novembre 13
ottobre 13
settembre 13
luglio 13
giugno 13
maggio 13
aprile 13
marzo 13
febbraio 13
gennaio 13
dicembre 12
novembre 12
ottobre 12
settembre 12
luglio 12
giugno 12
maggio 12
aprile 12
marzo 12
febbraio 12
gennaio 12
dicembre 11
novembre 11
ottobre 11
settembre 11
agosto 11
luglio 11
giugno 11
maggio 11
aprile 11
marzo 11
febbraio 11
gennaio 11
dicembre 10
novembre 10
ottobre 10
settembre 10
agosto 10
luglio 10
giugno 10
maggio 10
aprile 10
marzo 10
febbraio 10
gennaio 10
dicembre 09
novembre 09
ottobre 09
luglio 09
maggio 09
aprile 09

Mancata collaborazione con il datore di lavoro e con il servizio di prevenzione e protezione: La responsabilità del medico competente per la ( 02-04-2013)


La Corte di Cassazione III sez. penale, con sentenza del 15 gennaio 2013, n. 1856, ha stabilito che nell’ambito della collaborazione tra datore di lavoro e medico competente, a quest’ultimo spetta un ruolo molto importante; ha grande rilevanza infatti, la sua funzione consultiva che, precisa la Suprema Corte, non si esaurisce in un ruolo meramente passivo in assenza di opportuna sollecitazione da parte del datore di lavoro, anche se l’apporto richiesta resta limitato alla specifica qualificazione professionale. Infine la Cassazione ricorda che ogni violazione posta in essere dal medico competente, ai sensi del T.U. 81/2008, è sanzionata penalmente.


Posta elettronica certificata, arriva l'INI – PEC ( 23-04-2013)


E’ stata stabilita dal decreto ministeriale 19 marzo 2013 la modalità di realizzazione, gestione ed accesso all'INI - PEC, istituito ai sensi dell'art. 6_bis, comma 1, del D. L g s . n. 82/2005 (Codice delle amministrazioni digitali), introdotto dal D.L. n. 179/2012 (Decreto Crescita - bis). Dal medesimo decreto inoltre, sono state stabilite e definite le modalità e le forme con cui gli Ordini ed i Collegi professionali comunicano e aggiornano gli indirizzi PEC relativi ai professionisti di propria competenza. Tale sistema, è organizzato in due sezioni: Sezione Imprese e Sezione Professionisti. La prima viene realizzata facendo una vera e propria estrazione massiva dal registro delle imprese delle informazioni relative alle imprese che sono attive e che hanno provveduto al deposito della propria PEC. La seconda viene realizzata con il trasferimento in via telematica da parte degli ordini e dei collegi professionali ad Infocamere degli indirizzi PEC detenuti. Hanno accesso all’INI – PEC le P.A. , i professionisti, le imprese, i gestori o esercenti di pubblici servizi, tutti i cittadini tramite Portale telematico consultabile senza necessità di autenticazione.