Skip Navigation LinksInfo Sicurezza Portal > La normativa semplificata - Tutti i soggetti coinvolti nella sicurezza >

Sanzioni

Il decreto legislativo 9 aprile 2008 n. 81 ci consegna un sistema sanzionatorio che introduce alcune novità già in parte anticipate dalle legge delega 123/2007. La violazione degli obblighi previsti dalle norme contenute nel decreto, integra come in precedenza, reati puniti con la pena alternativa tra l’arresto e l’ammenda. Fanno eccezione a ciò alcuni illeciti amministrativi, puniti con sanzione amministrativa pecuniaria, previsti con un numero maggiore di casi rispetto alla normativa precedente. L’arresto è stato previsto in via esclusiva in caso di omissione da parte del datore di lavoro della valutazione dei rischi o di adozione della stessa in assenza degli elementi che ne costituiscono il contenuto obbligatorio del documento, qualora ciò avvenga in aziende caratterizzate da rilevante complessità o da rischi particolarmente elevati.
Tuttavia per le contravvenzioni su indicate previste con la sola pena dell’arresto, è prevista una particolare forma di definizione del procedimento che ammette la conversione della sanzione detentiva nella sola pena pecuniaria dell’ammenda da 8.000 a 24.000 euro qualora risultino eliminate tutte le irregolarità, le fonti di rischio e le eventuali conseguenze dannose del reato e a condizione che la violazione non abbia condotto ad un infortunio e che si tratti della prima violazione da parte del datore di lavoro in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
Per tutte le contravvenzioni punite con la pena alternativa dell’arresto o dell’ammenda è confermata l’applicazione del decreto legislativo 758/ 94, che prevede un meccanismo in forza del quale a seguito di prescrizione da parte dell’organo di vigilanza, l’azione penale può essere sospesa in attesa che il datore di lavoro ottemperi, e poi estinta, previa regolarizzazione, con il pagamento dell’ammenda.
Il D.Lgs 758/94 non è applicabile allorché sia comminata la sanzione esclusiva dell’arresto o dell’ammenda.
Si fornisce di seguito la tabella riepilogativa degli obblighi
 
Tabella sanzioni